Gli acquisti per i nostri animali domestici sono più convenienti se fatti online

Gli acquisti per i nostri animali domestici sono più convenienti se fatti online
Da SMC Consulting in News pubblicato il 7 novembre 2018 0 commenti

Gli animali domestici fanno sempre più parte integrante di tante famiglie e per questo entrano a pieno diritto nelle voci di budget familiare. Prendersene cura in maniera adeguata può richiedere una spesa annuale non indifferente, proprio per questo, l’interesse online nei confronti degli articoli per animali sembra non essere mai stato così elevato.

Una recente ricerca di Idealo evidenzia come nel corso del 2018 la spesa degli Italiani per gli animali domestici sulle piattaforme di commercio elettronico sia aumentata del 55% rispetto all’anno precedente. A primeggiare sarebbero gli acquisti destinati ai cani, con un incremento del 136%, mentre quelli per i gatti sarebbero lievitati di “soli” 97 punti.

Si tratta di un comparto estremamente differenziato dal punto di vista merceologico, ma i prodotti più ricercati per i cani sembrerebbero essere quelli legati all’alimentazione, con un market share del 77%. Seguirebbero trasportini con il 9%, i guinzagli e i collari (3.5%), gli accessori (3.3%) e le cucce (3%).

Per quanto riguarda le possibilità di risparmio medio, per gli articoli relativi ai cani la percentuale si aggira attorno al 23,8%, mentre per i gatti può raggiungere il 25,1%; la ricerca ha evidenziato come i costi legati a prodotti per cani e gatti in un periodo di tre mesi tendano a diminuire di circa un quarto rispetto al loro prezzo massimo. Tra i prodotti più convenienti online si segnala al primo posto la pappa per i cani, sulla quale si può risparmiare fino al 64,6%; seguita dalle lettiere per gatti (fino al 56,9%), dai trasportini per gatti (35,7%) e dalle cucce per cani (32,8%).

I ricercatori hanno poi analizzato il consumatore tipo che ha portato al raddoppio di questi tipi di acquisti identificandolo sui prodotti per cani ha tra i 35 e i 44 anni (26,0%), seguiti dalla fascia 45-54 anni (24,5%). Dati analoghi per gli appassionati di gatti, che per il 31,5% hanno tra i 35 e i 44 anni, seguiti dalla fascia 45-54 anni (27%). Ma se – quando si parla di cani – l’interesse tra uomini e donne si avvicina al pareggio (52,8% vs 47,2%); le cose cambiano quando si parla di gatti, con una più alta percentuale di donne pronte a dimostrarsi le più fiere appassionate (60,0% vs 40,0%).

Le tre regioni più amanti dei cani sono rispettivamente Lazio, Marche e Veneto; per quanto riguarda invece la categoria gatti sul podio troviamo Liguria, Toscana e, anche in questo caso, Veneto.

Fonte: Idealo
Condividi su