NewsNewsUncategorized

COSA ACQUISTERANNO DI PIÙ GLI ITALIANI ORA CHE L’EMERGENZA STA CALANDO?

By 29 Luglio 2020 No Comments
Tempo di lettura
2 minuti

Superata la “fase uno” e quasi in “fase tre”, restano ancora molte incognite su come cambierà la nostra economia, anche e soprattutto a fronte di un consumatore che mai nella sua storia ha cambiato così velocemente le sue abitudini.

La domanda è: Questo periodo d’emergenza avrà cambiato le abitudini d’acquisto dei consumatori in modo irreversibile, oppure è stata solo una parentesi destinata a chiudersi con il ritorno alla normalità?

Il periodo di lockdown ha impresso un’accelerazione senza precedenti alla diffusione dell’eCommerce in Italia. Durante la quarantena lo shopping online è stato adottato da ben tre italiani su quattro, rientrando in breve tempo fra le nuove e più frequenti abitudini della quotidianità del lockdown, preceduto solo dal tempo passato con familiari e amici, sui media o dedicato agli hobby nel tempo libero.

Secondo l’indagine svolta da Ipsos, ben il 37% degli italiani ha intenzione di acquistare online addirittura di più nei prossimi 6/12 mesi. Un’intenzione, peraltro, correlata anche a una generale tendenza verso stili di vita più digitali confermata dall’abbandono del contante – 1 italiano su 3 dichiara che lo userà meno d’ora in poi.

Ma cosa acquisteranno adesso gli italiani?

Sempre secondo la stessa ricerca, gli italiani ricorreranno sempre di più all’eCommerce per l’acquisto di prodotti alimentari (31%) e di medicinali (29%), segno che alcune delle nuove abitudini imposte dal lockdown permarranno anche nella nuova normalità. Infine, è previsto un aumento degli acquisti di vestiti e accessori (44%) e apparecchiature elettroniche (34%), due segnali questi ultimi che secondo Ipsos sono indicativi di un graduale ritorno alla normalità nella tipologia di prodotti acquistati.

Ma i prodotti che vedremo più sui carrelli online saranno quelli relativi all’igiene e la cura della persona e dell’ambiente domestico (44%), diretta conseguenza della maggiore attenzione verso l’igiene maturata durante l’emergenza coronavirus.

Ma chi è il nuovo e-shopper?

Più attivo online e più consapevole del mezzo e delle possibilità che offre. Un consumatore più attento al portafoglio e quindi più impegnato nella ricerca del prodotto migliore al giusto prezzo.

Un fattore che rivoluzionerà le strategie di vendita portando l’attenzione alle recensioni e ai commenti dei consumatori, che infondono sicurezza e fiducia nel brand.

Cresce l’importanza della vendita direct to consumer, così come della personalizzazione dei prodotti e dell’utilizzo dei canali social media in ottica sales.

La cosa che però dovrà migliorare è la consegna, infatti per il 44% degli italiani il problema principale riguarda le tempistiche troppo lunghe, per l’11% addirittura lamenta di non aver ricevuto i prodotti, mentre nel 4% dei casi i prodotti sono arrivati per tempo ma con ammaccature.

Proprio come le spese di spedizione, anche i tempi di consegna e la modalità contribuiscono a fidelizzare i clienti.

Nuove opportunità di vendita e di utilizzo dei canali online che hanno reso gli utenti più informati e cosciente delle possibilità infinite che l’eCommerce può dare. L’altro lato della medaglia, per le aziende, è, sicuramente, la maggior concorrenza, dato che però non deve spaventare, ma deve fare da stimolo per cogliere le nuove sfide al meglio, con la consapevolezza che indietro non si torna.

Vuoi realizzare un progetto ecommerce?

Contattaci

Leave a Reply