NewsUncategorized

La contraffazione è una minaccia significativa nelle vendite online

Tempo di lettura
2 minuti

Il costo della contraffazione internazionale per le imprese italiane si aggira attorno a 35 miliardi di euro ed è un mercato diffuso prevalentemente sul web tramite le grandi piattaforme di ecommerce.

Secondo i dati più recenti resi noti da Indicam, l’istituto di Centromarca  per la lotta alla contraffazione, insieme a Ocse e Euipo, solo nel nostro paese  il mercato del falso produce un fatturato di oltre 10 miliardi, e in tutta Europa si aggira attorno agli 85 miliardi, soprattutto a causa di scarsi controlli doganali.

La contraffazione rappresenta una minaccia significativa per tutti i brand che operano online.

I falsi non distruggono solo le aziende ma anche i consumatori che ne subiscono parte delle conseguenze visto che acquistano prodotti di qualità inferiore alle loro aspettative, perdendo quindi denaro e in alcune occasioni mettendo a rischio i propri dati e la propria salute. Secondo il recente Global Online Shopping Survey 2018 di MarkMonitor, un consumatore su tre ha acquistato inconsapevolmente un prodotto falso online negli ultimi cinque anni.

Quando si parla di “falsi” si pensa subito a borsette, orologi come anche occhiali, scarpe e abbigliamento vario dei più noti marchi di lusso, venduti online a prezzi accessibili, ma la questione è molto più ampia e la realtà è che la contraffazione colpisce tutti i settori.

Analizzando diversi mercati, dai prodotti elettronici, a cosmetici e farmaci, vediamo come il trend negativo della contraffazione non cambi e, anzi, in questo caso si debba tenere conto anche dell’aggravante data dai rischi per la salute e la sicurezza dei consumatori.

Quali sono le priorità?

  • Tutelare il consumatore: Il consumatore guarda al prezzo ma anche alla qualità, ed è disposto a investire se in cambio ottiene un buon prodotto o un buon servizio. Oggi è molto più informato e, prima che un prodotto, cerca su internet informazioni. L’anti-contraffazione , quindi, si concentra su tecnologie che dimostrano in modo chiaro e indiscutibile la verità delle informazioni relative all’origine, al tipo di lavorazione, alle componenti o agli ingredienti che compongono il valore di un prodotto. Nelle soluzioni tecnologiche più evolute si arriva, non solo a dimostrare, ma a certificare la veridicità delle informazioni.
  • Tutelare i canali autorizzati: nel caso di “Mercato grigio” ovvero un mercato che si riferisce al flusso di beni tramite canali di distribuzione diversi da quelli autorizzati o da quelli pensati dal produttore o fabbricante,  le soluzioni anticontraffazione tutelano anche quella parte della produzione che, sfuggendo ai canali distributivi autorizzati, genera un mercato parallelo che provoca gravi danni di immagine al Brand, intaccando la marginalità e generando conflittualità con la rete vendita ufficiale.

Quali tecnologie offre il mercato?

  • Soluzioni basate su codici ottici
  • Soluzioni basate su marchiature
  • Soluzioni basate sulle radiofrequenze (RFID/NFC)
  • Soluzioni basate su sostanze chimiche
  • Banche dati specializzate

Anche l’utilizzo dell’intelligenza artificiale e di soluzioni blockchain vengono ampiamente utilizzate in merito.

Le soluzioni blockchain, infatti, permettono di raggruppare le informazioni condivise in insiemi, “blocchi” che sono legati tra di loro da particolari proprietà matematiche, tale tecnologia gode di due vantaggiose caratteristiche: è pubblica e immutabile che nel caso dell’anti-contraffazione, questa tecnologia, diventa uno strumento per la garanzia di integrità delle informazioni condivise.

Mentre l’intelligenza artificiale aiuta mettendo in relazione colleghi, partner, clienti e cittadini attraverso una comunicazione di nuova generazione integrata e massimamente efficiente, migliora la qualità del business e del servizio ai consumatori finali, generando, quindi, un ingaggio, più sicuro.

Lascia un commento