Uncategorized

L’e-commerce oggi in Italia vale 41,5 miliardi di euro, pensi ancora di poterne fare a meno?

By 29 Aprile 2019 No Comments
Tempo di lettura
3 minuti

L’e-commerce nel mondo

Lo scorso anno il 40% della popolazione mondiale – 2,81 miliardi di persone – ha effettuato un acquisto online e si stima che entro il 2022 gli acquirenti online raggiungeranno quota 3,20 miliardi, questo è quanto dichiara “Number of digital buyers worldwide from 2014 to 2021” condotto da Statista, 2019.

Il valore del mercato e-commerce al dettaglio nel mondo per il 2018 è stimato in 2.875 miliardi di dollari, il 12% in più rispetto all’anno precedente e pari all’11% del totale del valore delle vendite retail. Si ipotizza che lo share sul totale vendite al dettaglio aumenterà fino al 2022, e raggiungerà il valore di 4.035 miliardi di dollari.

Lo shopping è una delle attività online più popolari in tutto il mondo, ma l’utilizzo varia da paese a paese, l’area Asia-Pacifico conferma la sua leadership sul mercato mondiale, con una produzione di 1.892 miliardi di dollari nel 2018, il 27% in più rispetto all’anno precedente.
La sola Cina, con un miliardo di utenti digital commerce, nel 2018 ha prodotto un transato di 855 miliardi di dollari, con una crescita del 19% rispetto all’anno precedente. Per il 2019 si stima una crescita dell’e-commerce diretto del 30,3% che andrà ad incidere fino al 35% sul totale vendite retail.

L’e-commerce in Europa

In Europa il 79,6% della popolazione accede ad internet ed è il continente con la più alta penetrazione. Il 69% degli utenti online ha effettuato un acquisto nel corso del 2018, con un incremento dell’1% rispetto all’anno precedente e 6 consumatori europei su 10 lo scorso anno hanno utilizzato il mobile per effettuare un acquisto online.

Le vendite online al dettaglio ammontano a 313 miliardi di euro, contro i 285 dell’anno precedente, con un incremento del 9%. Per il 2019 è prevista una produzione di 342 miliardi di euro e, secondo le stime, l’Europa occidentale dei 5 (Francia, Germania, Italia, Spagna e UK) entro il 2022 sorpasserà quota 400 miliardi di dollari di vendite e-commerce dirette. A vendere online sono il 18% delle imprese, mentre il 16% riceve ordini da siti terzi o app.

Tra i settori che incidono maggiormente sulla produzione europea si evidenziano: Moda con 92 miliardi di euro, Elettronica e Media con 73 milioni, Tempo libero con 60, Arredamento e alimentare e Salute e bellezza rispettivamente con 43 miliardi di euro ciascuno.

L’e-commerce in Italia

In Italia la diffusione dell’online tra la popolazione dai 2 anni in su ha raggiunto quota 70% registrando, nel mese di dicembre 2018, una media di 42,3 milioni utenti unici nel mese, che si connettono sia da fisso che da mobile. Rispetto allo scorso anno il dato sembra più basso, ma la fetta di popolazione è stata ampliata, includendo anche i bambini dai 2 agli 11 anni e le persone sopra i 74 anni per il device desktop.

Nel 2018 il mercato e-commerce B2C in Italia ha generato un fatturato di 41,5 miliardi di euro, crescendo complessivamente del 18% rispetto al 2017, più di quanto fatto l’anno precedente. Questo è quanto emerge dal report annuale della Casaleggio Associati sul B2C secondo cui gli italiani che acquistano online sono 38 milioni, il 62% della popolazione, e si prevede che entro il 2023 arriveranno a quota 41 milioni.

Tra i settori in maggior espansione il tempo libero trainato dal gioco online, che detiene la quota maggiore del fatturato 2018 (41,3%), seguito dal turismo (28%) in salita del 9%. Positivo anche il settore della salute (+23%) grazie anche alla proliferazione delle farmacie online e quello della moda (+18%).

Nel nostro paese è lo smartphone il canale preferito per fare acquisti, molto di più che nel resto d’Europa, l’85% della popolazione web, infatti,  usa il mobile per fare shopping, Ii 34% lo usa spesso e il 14% sempre.

Il Tempo Libero, il Turismo e i Centri Commerciali sono i settori che detengono il fatturato più alto, seguito da Assicurazioni, Elettronica e Moda, settori che esprimono l’italianità, dove il nostro paese è sempre stimato per qualità del servizio e dei materiali oltre che la grande artigianalità.

Fonti:
Casaleggio Associati
Retail e-commerce sales worldwide from 2014 to 2021, Statista, 2019
eCommerce – Europe, Statista, 2019

Western europe Ecommerce Trends in 2019, eMarketer, 2019
Esportazioni e-commerce delle imprese italiane, ICE-Agenzia e Politecnico di Milano, 2018
E-commerce – europe, Statista, 2019
Total Digital Audience del mese di dicembre 2018, Audiweb 2018
Number of e-commerce users in Italy from 2017 to 2023 (in millions), Statista, 2019

 

Leave a Reply