NewsUncategorized

L’e-commerce B2B: tutti i trend del settore

Tempo di lettura
2 minuti

L’e-commerce B2B in Italia ha raggiunto un valore di 335 miliardi di euro, con una crescita pari all’8% . Una cifra che rappresenta solo il 15% del volume d’affari complessivo fra le imprese in Italia.

Quasi il 40% delle aziende realizza già tra il 30 e il 90% delle operazioni B2B attraverso il canale digitale, la maggior parte, di esse,  è di grandi dimensioni. Le aspettative sono comunque di arrivare ad una customer experience più simile possibile a quella del B2C. Questo è quanto emerge un’analisi di Liferay dedicata al presente e al futuro dell’eCommerce B2B, realizzata in collaborazione con gli analisti di IDC.

Quali sono i futuri trend del settore?

  • Investire sul  mercato delle applicazioni dedicate al commercio elettronico che risulta  in crescita in Europa, con un tasso composto annuo superiore al 16% negli ultimi cinque anni. Incremento che risulta ancora più elevato nel settore B2B, che si conferma mercato ancora emergente.
  • Offrire esperienze digitali integrate, questo permette la riduzione del rischio di perdere il cliente del 20%

Tra i dati emersi dall’analisi, vi sono poi, quelli legati al volume di affari realizzato attraverso i canali digitali. Più della metà delle aziende non supera, al momento, il 30% di attività digital rispetto a quelle tradizionali, mentre quasi il 40% realizza già tra il 30 e il 90% delle operazioni attraverso il canale digitale. Confermato anche il livello più elevato di digitalizzazione delle aziende di grandi dimensioni rispetto alle PMI.

Quali sono le aspettative?

  • La maggior parte dei partecipanti alla ricerca desidera una migliore esperienza cliente e operazioni più agili.
  • Miglioramento della sicurezza, se lo augura il 76% delle aziende
  • Le aziende più piccole invece si aspettano un’incremento nel guadagno

La ricerca ha analizzato anche gli ostacoli che rallentano la migrazione a piattaforme di e-commerce B2B: investimenti economici e di tempo, seguiti dalla mancanza di risorse tecniche interne per implementare e gestire le nuove soluzioni.

Lascia un commento