News

E' il mobile a spingere l'innovazione nel Retail

By 26 Novembre 2015 No Comments
Tempo di lettura
2 minuti

Arriva dal mobile la spinta più forte all’innovazione per i Retail italiani. Il ruolo del mobile, come emerge dal nuovo Osservatorio Innovazione Digitale nel Retail del Politecnico di Milano, si afferma in un anno che segna una timida ripresa dopo una serie di sei lunghi anni di congiuntura negativa con una debole, ma positiva ripresa della spesa mensile delle famiglie (+0,7% rispetto al 2013) e con un segno positivo anche per quanto attiene al trend dei consumi (+0,8% rispetto al 2014). Un segno finalmente positivo che arriva anche dalla spinta del digitale nel suo complesso e del Mobile in particolare.

Il consumatore in Italia diventa sempre più digitale, siamo arrivati al 3%, i web shopper arrivano 17,7 milioni e sono cresciuti dell’11% rispetto al 2014, di questi il mobile è pari al 19,5%, pari a 31 miliardi di utenti che acquistano beni e servizi online. Il mobile è quasi tutto da Smartphone, e il 78% dichiara di fare acquisti in mobilità. I Retailer non possono fare a meno di guardare e studiare questi dati con molta attenzione, chiaramente è una tendenza che devono seguire. Il primo passo è stato il dotare il punto vendita di dispositivi mobile migliorando la customee experience nel punto vendita, lo ha fatto il 33%, il 27% ha sviluppato un’App o si è dotata di un sito web responsive puntando poi a finalizzare l’ingaggio del cliente in negozio tramite apparati IoT. Il il 18% invece ha adottato soluzioni, sempre mobile, per la gestione dei pagamenti innovativi e dell’online selling nel punto vendita (17%), che a loro volta si intrecciano con nuove esperienze e strategie di couponing e loyalty che trovano proprio nel Mobile il più naturale ed efficace punto di contatto con il consumatore.

Tutto punta comunque a creare una customer experience unica, c’è continuità tra online, mobile e negozio fisico, la strategia Italiana sembra quindi quella dell’omnicanalità. Oggi l’acquisto è un processo articolato, che passa attraverso uno smartphone e che poi, ancora nella maggior parte dei casi, si conclude in un negozio tradizionale. In generale, quindi, la componente digitale dell’omnicanalità vede al centro il mobile, con App e siti dedicati accanto al sito eCommerce, al sito informativo e ai social media, che hanno un ruolo sempre crescente.

Fonte: Osservatorio Innovazione Digitale nel Retail del Politecnico di Milano