News

Il mercato del Fashion Made in Italy cresce grazie all’eCommerce

By 5 Luglio 2017 No Comments
Tempo di lettura
< 1 minuto

Tra i settori trainanti delle vendite on line, il mercato e-commerce nel Fashion, ossia l’acquistato da consumatori italiani su siti sia italiani sia stranieri, nel 2016 supera gli 1,8 miliardi di euro, con un incremento in valore assoluto di 365 milioni di euro (+25%) rispetto al 2015.

Le vendite da siti italiani di abbigliamento e accessori a consumatori italiani e esteri è cresciuta del 35% nel 2016 raggiungendo i 3 miliardi di euro, così l’abbigliamento si conferma il comparto che è cresciuto di più, rispetto a tutto il mercato eCommerce,  con un incidenza del 17%.

L’Export di Abbigliamento, inteso come valore delle vendite da siti italiani a clienti stranieri, aumenta del 30% e supera quota 1,3 miliardi di euro, trainato dalla componente ‘luxury’ (abbigliamento ed accessori di alta moda). Il 45% delle vendite Fashion valica i confini nazionali alla volta di Europa (in primis UK, Francia e Germania), USA, Russia e, in misura minore, Cina, Giappone e America Latina, questo è quanto emerge dalla ricerca condotta dall’Osservatorio e-commerce B2C, School of Management Politecnico di Milano e presentata a SMAU.

Tutto questo è la risposta a i grossi investimenti in tecnologia, logistica e metodi di pagamento che il settore sta facendo. Il mercato dell’abbigliamento deve rispondere ai continui mutamenti dell’utente che vuole il prodotto migliore, originale e prima possibile, e lo sta facendo sfruttando a pieno le opportunità offerte dalla IOT, dall’utilizzo delle tecnonolgie mobile, del cloud e dell’NFC, portando il Made in Italy nel mondo, puntando sulle produzioni artigianali che tanto ci hanno reso famosi nel mondo alla portata di tutti, acquistabile da qualsiasi parte del mondo.

Fonte: sservatorio e-commerce B2C, School of Management Politecnico di Milano