News

L'italia supera,nelle vendite cross-border online la Germania e la Francia

By 23 Ottobre 2018 No Comments
Tempo di lettura
2 minuti

Secondo i dati emersi dalla presentazione del Rapporto ICE-Politecnico di Milano Esportazioni e e-commerce delle imprese italiane – Analisi e prospettive, l’anno scorso il valore della domanda soddisfatta tramite eCommerce è cresciuta del 17% rispetto al 2016 e l’Italia è il paese nel quale il cross-border e-commerce (quota di e-commerce esportato) pesa maggiormente (19%, rispetto al 10% della Germania e al 6% della Francia). Inoltre nel 2017 l’e-commerce italiano di prodotti (52%) ha superato per la prima volta quello di servizi (48%).

Permane uno squilibrio nell’uso del web per fare acquisti tra le regioni italiane e tra tipologie di contesti urbani (aree metropolitane, urbane o extra-urbane). Al Nord, in media il 57% della popolazione fa acquisti online contro il 42% del Sud e il 49% delle isole. Le regioni più propense ad acquistare online sono quelle del Nord, tipicamente caratterizzate da una buona capacità di spesa.

Ci sono alcuni settori in cui l’utilizzo del canale digitale per le vendite all’estero è molto più diffuso che in altri: sul totale di aziende italiane attive nelle vendite online nell’industria manifatturiera, la propensione all’internazionalizzazione è abbastanza elevata – circa il 45,8% delle imprese vende via web ad utenti residenti in Unione Europea, mentre il 25,7% si rivolge a clienti in altre parti del mondo.

Nel B2C, ad esempio, l’abbigliamento è il settore più digitalizzato con il 66,7% delle imprese che vende in Europa e il 37,5% che vende al di fuori dell’Europa.

Su scala globale il mercato dell’e-commerce vale tra i 2 e i 3mila miliardi di dollari per il B2C e oltre 22mila miliardi di dollari per gli scambi tra imprese (B2B). I consumatori che comprano online sono attualmente circa 2 miliardi ma, secondo alcune stime, la cifra potrebbe raddoppiare in tempi rapidi e i prossimi 2 miliardi di e-shoppers arriveranno principalmente dai paesi in via di sviluppo.

Fonte : ICE-Politecnico di Milano